Biografia

L'Istituto delle Oblate di San Benedetto Giuseppe Labre è sorto a Molfetta (BA) nell'immediato dopoguerra, ad opera del Reverendo Sac. Don Ambrogio Grittani. Guidato dallo Spirito Santo, egli intravide nella tragica situazione del tempo, un momento particolare del suo ministero sacerdotale che veniva chiamato, con un carisma specifico, ad un’autentica testimonianza di carità e di servizio in favore degli accattoni, degli inabili e in particolare degli anziani, dei poveri e di tutti i bisognosi di assistenza.

Don Ambrogio Grittani, docente nel Pontificio Seminario Regionale di Molfetta, da tempo infatti, aveva sensibilizzato al suo segreto ideale di carità le anime giovanili con cui veniva in contatto nell'opera di apostolato sacerdotale. Il 23 ottobre 1941, avuto il consenso del Vescovo di Molfetta, Mons. Achille Salvucci, riuniva in comunità di vita spirituale e di opere apostoliche il primo nucleo di persone e con loro dava inizio ad un'attività di servizio più ordinata ed efficace, corroborata dall'ideale di comunione e di preghiera e dall'emissione dei voti semplici annuali di castità, povertà e obbedienza.

Il Fondatore, nei pochi anni in cui restò vicino alle sue Figlie spirituali, ne curò il bene e la crescita interiore e apostolica pervenendo anche ad una configurazione ben precisa del carisma proprio della nascente Istituzione: il servizio agli ultimi, animato dalla carità che trova la sua sorgente nel Cuore di Gesù Eucaristia, sull'esempio di S. Benedetto Labre.

La morte prematura del Reverendo Don Ambrogio Grittani, avvenuta nel 1951, impedì a lui di portare a compimento l'opera avviata; ma il dinamismo che aveva saputo imprimerle continuò, fino al punto che l'Istituto poté allargare la sua influenza caritativa anche in altri centri della Puglia: Seclì dal 1958 al 1970, Castellaneta dal 1959 al 1977, Corsano dal 1961 al 1976, Terlizzi dal 1965, Maruggio dal 1965, Toritto dal 1971, dove le Oblate svolgono ancora la loro missione tra gli anziani. Dal 1980 al 1984 le Oblate sono state a servizio del Pontificio Seminario Regionale di Molfetta.

Con decreto vescovile in data 7 ottobre 1959 S. E. Mons. Achille Salvucci, Vescovo di Molfetta, elevava a Pia Unione l'opera del Canonico Grittani. Con atto pubblico, poi, del 27 aprile del 1960, n. 10673 a rogito Notar Donato d'Amato, la Pia Unione Oblate di S. Benedetto Labre si costituì civilmente e il 6 novembre 1960, con Decreto del Capo dello Stato Italiano, registrato alla Corte dei Conti in data 17.12.1960 n. 132 fl. 93, otteneva il riconoscimento civile come persona giuridica, capace di atti civilmente validi.

Le vicende sofferte dall'Istituto non hanno impedito che esso continuasse a vivere con un crescente impegno di santificazione personale e di formazione professionale, grazie anche alla presenza affettuosa della sorella di Don Ambrogio, signorina Maria Grittani, ed alla guida esperta di Mons. Antonio Dimitri.

In piena uniformità al disegno divino che si è manifestato nell'arco di vita trascorso e continuerà a manifestarsi nel discernimento autentico del carisma specifico dell'Istituto, con incrollabile fiducia nella protezione della Vergine SS. del Rosario, alla luce dell'esempio di S. Benedetto Labre e sotto lo sguardo paterno del Fondatore, le Oblate sapranno certamente trovare nelle nuove Costituzioni la sorgente ed il motivo della loro crescita nella sequela di Cristo, nel servizio della Chiesa, sua sposa, a beneficio dei fratelli anziani e bisognosi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*